Le leggi sulla divulgazione della cultura scientifica (legge 113/1991 e 6/2000) diffondono nelle Università italiane la consapevolezza dell’importanza dei beni culturali a carattere storico scientifico, di cui gli atenei conservano testimonianze importanti e numerose.

A Sassari il rettore Maida lanciava un’iniziativa per la costituzione del Museo della scienza e della tecnica, considerato ...

l’ingente patrimonio di beni culturali a carattere storico-scientifico presenti nell’Ateneo, testimonianza concreta della storia e del progresso scientifico dell’istituzione a partire dalla sua fondazione fino ai nostri giorni

L’idea era quella di ricostruire una parte della storia dell’Università di Sassari e del suo progresso scientifico e tecnologico percepibile attraverso gli oggetti conservati in laboratori, istituti, dipartimenti.

Macaque in the trees

Lo screening dei beni culturali dell’Università ha portato all’acquisizione di dati generali utili a conoscere e preservare le serie di materiali e i singoli elementi che testimoniano la ricerca, la didattica e la sperimentazione. Si tratta in maggioranza di apparecchiature scientifiche, piccola strumentazione, arredi, organismi vegetali o animali, per un totale stimato in circa 150.000 unità.

Le Collezioni si sono formate a partire dai primi decenni dell’Ottocento per stratificazione di acquisizioni successive e per accantonamento di strumentazioni non più in uso, oppure, fin dall’origine, con l’intento di costituire delle serie didattiche o un “Museo” (per esempio il Museo mineralogico e quello zoologico, allestiti nell’Ottocento).

Il 21 aprile 2015 (d.r. n. 1152) il Museo scientifico assume la denominazione di mUNISS.


gli Obiettivi

Il Museo mUNISS non intende offrire un quadro generale ed estensivo delle collezioni (che continuano a rimanere nei dipartimenti di origine finalizzate alla ricerca e alla didattica), ma in attesa della realizzazione della nuova sede, posta nei locali del secondo lotto del Polo naturalistico, offrire una selezione ragionata dell’insieme delle raccolte e focalizzare alcuni momenti emblematici della storia della ricerca scientifica svolta nel nostro Ateneo.

Dipartimento di Scienze Biomediche
sezione Anatomia Umana Normale

Viale San Pietro 43/c,
07100 Sassari

Direttore:
prof. Andrea Montella


Responsabile per la Collezione Anatomica "Luigi Rolando":
prof. Alessio Pirino

Dipartimento di Agraria

Via E. de Nicola, 1
07100 Sassari

Direttore:
prof. Antonio Luigi Pazzona


Responsabili per la Collezione Entomologica:
dott. Tiziana Nuvoli
prof. Roberto Pantaleoni


Responsabile per la Collezione del Museo Mineralogico "Aurelio Serra":
prof. Grazia Maria Scarpa


Responsabili per la Collezione Agronomica e Museo all'aperto di storia dell'agricoltura:
dott. Mario Deroma
prof. Salvatore Madrau

Dipartimento di Chimica e Farmacia

Via Muroni 23 a
07100 Sassari

Direttore:
prof. Pierfranco Demontis


Responsabile per la Collezione di Botanica Farmaceutica:
prof.ssa Marianna Usai


Responsabili per la Collezione di Chimica e Farmacia:
P.I. Mario Loriga

Dipartimento di Scienze della Natura e del Territorio

Via Piandanna 4
07100 Sassari

Direttore:
prof. Roberto Furesi


Responsabile per la Collezione di Botanica:
prof.ssa Rossella Filigheddu


Responsabile per la Collezione Zoologica:
prof. Marco Curini Galletti

Dipartimento di Medicina Veterinaria

Via Vienna 2
07100 Sassari

Direttore:
prof. Eraldo Sanna Passino


Responsabile per la Collezione di Veterinaria:
prof. Marco Zedda

Museo scientifico dell’Università di Sassari,

Via Piandanna 4
07100 Sassari

Delegato accademico:
prof. Antonello Mattone


Responsabile per la Collezione di Fisica:
dott.ssa Stefania Bagella

Delegato accademico

Antonello Mattone

Curatrice

Stefania Bagella | contattare

supporto editoriale:

Rossella Colombi

Sito Web e Multimedia

Laboratorio AnimazioneDesign

supervisione progetto:

Nicolò Ceccarelli

riprese/editing audiovideo:

Emanuel Serra, Massimo Pinna

animazioni ed elaborazioni grafiche:

Sabrina Melis, Antonio Serra

progetto grafico:

Francesco Moreal, Marco Sironi

web design:

Alfredo Calosci, Marco Sironi


Progetto realizzato con fondi della legge 113/91, 6/2000 sulla Divulgazione della Cultura scientifica, annualità 2014